lunedì 14 luglio 2014

Estasiarci / Frammenti


Estasiarci/Frammenti: GeoffFarina/M. Malaussene/NinosduBrasil/PalmWine   


Torna Estasiarci. O meglio, Estasiarci in frammenti.
Il 23 e 24 Luglio a Viterbo ci saranno due serate promosse da Arci Viterbo e Arci Solidarietà Viterbo in collaborazione con Circolo Arci il Cosmonauta e Allimprovviso. Un segnale importante per far emergere le alternative al panorama omologante, con delle proposte originali e indipendenti.
Non prendete impegni.
 

Programma
 
23 Luglio

Circolo Arci Il Cosmonauta, Via della Polveriera, 2 (Pianoscarano, Viterbo)
Ore 21.30 Monsieur Malaussene (indie folk, songwriting)
http://malaussene.bandcamp.com/
Sopravvissuti agli anni zero e tornati indietro a raccontarceli, il gruppo dei Monsieur Malaussène ha visto la luce nel 2010 a Roma. Il nome è un omaggio al personaggio Benjamin Malaussène, protagonista dei romanzi di Daniel Pennac. I Monsieur Malaussène producono un sound malinconico e intimista, frutto dell'ascolto di musica country e folk della tradizione americana e inglese.
Ore 22.30 Geoff Farina (ex Karate/indie folk, songwriting)
http://www.geofffarina.com/
Un concerto che attinge al corposo repertorio dell’ex Karate, con particolare attenzione alle ultime produzioni da solista – il meraviglioso “Wishes of the Dead” – ma soprattutto al recente “Current Resident” partorito a capo dei Glorytellers, uno dei suoi numerosi side-project. Un omaggio alla tradizione americana, un registro sonoro dichiaratamente vintage, ma al tempo stesso vivace e imprevedibile.

24 Luglio


Piazza Unità d'Italia, Viterbo
ore 21.30 Ninos du Brasil (batucada, noise)
https://www.youtube.com/watch?v=kkOO4i4VxTM
Ninos Du Brasil è un progetto le cui origini e provenienza sono rimaste avvolte nel mistero più nero fin da quando si è cominciato a parlare di loro. Dediti a un'ardita quanto improbabile commistione di batucada e noise, samba ed elettronica, le loro sporadiche apparizioni live sono immediatamente divenute leggendarie e mitologiche probabilmente anche perché, non curanti del contesto (sia una sfilata di moda piuttosto che un lercio dimenticatoio in Belgio, il Festival Dissonanze o la Biennale di Architettura di Venezia) sono sempre riusciti a trascinare tutto il pubblico in scomposte quanto liberatorie danze. Chi li ha visti narra di esperienze memorabili in grado di condensare in meno di mezz'ora le parate carnevalesche di Bahia, la fisicità dei concerti hardcore, la coralità delle tifoserie della curva e la techno primordiale.

Ore 23.00 Palm Wine dj set (world, grime)
http://www.palmwine.it/
https://soundcloud.com/palmw
Palm Wine, ovvero Simone Bertuzzi, è artista e ricercatore. Nel 2003 co-fonda Invernomuto, gruppo di ricerca audiovisiva con numerose partecipazioni nazionali e internazionali nelle aree delle arti visive e della musica. Nel 2009 dà vita al blog Palm Wine, un'apertura verso i movimenti dei suoni e degli immaginari nel mondo post- globale, inebriati dai vapori dell'alcool. Palm Wine suona regolarmente come dj proponendo calde sonorità border- crossing.

Per info: culturavt@arci.it e arciviterbo.blogspot.it, allimprovvisoaviterbo.blogspot.it
L'ingresso ai concerti è a sottoscrizione. Per il 23 Giugno l'ingresso è con tessera arci.


Evento facebook:  https://www.facebook.com/events/722429611146983/



Nessun commento:

Posta un commento