martedì 3 febbraio 2015

Leonardo Capuano per DOMINIO PUBBLICO a Viterbo | 4 Febbraio al MAT


A VITERBO DOMINIO PUBBLICO UN PROGETTO DI TEATRO ARGOT, TEATRO DELL’OROLOGIO, A.T.C.L. - Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio 

UN PERCORSO TEATRALE A CURA DELL’ARCI VITERBO E OFFICINA CULTURALE DISTRETTO CREATIVO 

All’interno del programma generale di Dominio Pubblico 2014-2015 – ideato congiuntamente da Teatro Argot, Teatro dell’Orologio e A.T.C.L. - Associazione Teatrale Comuni del Lazio – si intende realizzare un programma di spettacoli e di incontri sul territorio di Viterbo. 

Terzo appuntamento Mercoledì 4 Febbraio 2015 ore 21 al MAT Musicarteatro Via del Ganfione 16/18 Elettrocardiodramma di e con Leonardo Capuano 

Assistente alla regia: Elena Piscitilli 
Luci: Corrado Mura 
Produzione: 369gradi - Armunia 
Comunicazione: Benedetta Boggio 

In scena un uomo balbuziente, con indosso un vestito da donna, non sembra far caso a ciò che indossa: dice d’essersi svegliato cosi. Una figura tragicomica che mi accompagna da anni, il balbuziente, non un’invenzione ma un caro amico che di tanto in tanto mi racconta come gli vanno le cose. Sembrerebbe solo ma non lo è, parla con chi gli fa compagnia da sempre, figure presenti, concrete, come quattro fratelli, la madre, la donna amata, che vivono con lui, parlano attraverso lui, e cercano di risolvere le problematiche della vita di tutti i giorni in a modo loro. Eletrocardiodramma sembra un errore, ma in realtà rivela una piccola verità, una paura latente, o un punto di vista comico e sorprendente. 
Leonardo Capuano 

La più impressionante prova attoriale di tutto il festival è quella offerta dal bravissimo Leonardo Capuano, che col suo Elettrocardiodramma trascina gli spettatori in uno straordinario viaggio nel delirio… a colpire è soprattutto il suo incredibile lavoro interpretativo.. Renato Palazzi, Il Sole 24 Ore 

Biglietto d’ingresso € 5. 
Per prenotare Elisa 393.9211339 culturavt@arci.it 
Organizzazione locale Dominio Pubblico Arci Viterbo 
Marco Trulli 393.9097166 marcotrulli@gmail.com 
Elisa Maurizi 393.9211339 culturavt@arci.it 
Officina Culturale Distretto Creativo 
Ferdinando Vaselli 328.4004935

lunedì 19 gennaio 2015

LABORATORI DELLA VISIONE PER DOMINIO PUBBLICO

Dominio pubblico è anche un progetto per la formazione di uno spettatore consapevole e attivo in prima persona. Per questo da novembre 2014 a marzo 2015 è operativo uno specifico progetto di Laboratori di Visione: gli operatori di Arci Viterbo e dell’Officina Culturale Regionale Distretto Creativo in collaborazione con i direttori artistici di Dominio Pubblico, incontreranno prima dei singoli spettacoli un gruppo di spettatori attivi per introdurre loro, con un lavoro di accompagnamento alla visione del teatro contemporaneo, lo spettacolo a cui assisteranno, in programma nella rassegna Dominio Pubblico. L’obiettivo è quello di creare un dialogo continuo coi partecipanti per costruire un percorso di monitoraggio del cartellone proposto che sia anche un progetto di auto-formazione. Parte integrante di Dominio Pubblico sarà il lavoro di selezione di spettacoli per il festival teatrale Storie di Lavoro, un progetto dell’Associazione 20Chiavi Teatro diretta da Ferdinando Vaselli, che rappresenterà una vera e propria indagine sul teatro contemporaneo in relazione alle tematiche del lavoro. Gli incontri del Laboratorio di Visione si svolgeranno dalle ore 19,30 alle 20,30 nei giorni degli spettacoli presso lo spazio MAT. A seguire, alle ore 21,00, lo spettacolo sempre presso lo spazio MAT di Viterbo in Via del Ganfione 16/18. PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI Elisa Maurizi 393.9211339 Marco Trulli 393.9097166 culturavt@arci.it www.dominiopubblicoteatro.it

sabato 10 gennaio 2015


A VITERBO DOMINIO PUBBLICO

UN PROGETTO DI TEATRO ARGOT, TEATRO DELL’OROLOGIO, A.T.C.L. - Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio

UN PERCORSO TEATRALE A CURA DELL’ARCI VITERBO E OFFICINA CULTURALE DISTRETTO CREATIVO

All’interno del programma generale di Dominio Pubblico 2014-2015 – ideato congiuntamente da Teatro Argot, Teatro dell’Orologio e A.T.C.L. - Associazione Teatrale Comuni del Lazio – si intende realizzare un programma di spettacoli e di incontri sul territorio di Viterbo.

Secondo appuntamento

Giovedì 22 Gennaio 2015 ore 21
NOT HERE NOT NOW

Credits:
di e con Andrea Cosentino
regia: Andrea Virgilio Franceschi
video: Tommaso Abatescianni

Produzione : Pierfrancesco Pisani
in coproduzione con Fondazione Campania dei Festival - E45 Napoli Fringe Festival
con la collaborazione di Litta_Produzioni /associazione Olinda / Infinito srl / Teatro Forsennato
con il sostegno del progetto Perdutamente del Teatro di Roma

Un incontro/scontro da teatranti con la body art, il lazzo del clown che gioca con il martirio del corpo come testimonianza estrema. Marina Abramovic dice: il teatro, il cinema, l'arte sono limitate, essere spettatori non è un'esperienza.
L'esperienza bisogna viverla.
“Theatre is very simple: in theatre a knife is fake and the blood is ketchup. In performance art a knife is a knife and ketchup is blood.”
Il resoconto di un'esperienza attiva con Marina Abramovic, sotto forma di dramoletto polifonico. Un assolo da stand up comedian per spettatori fatalmente passivi e programmaticamente maltrattati, con pupazzi parrucche martelli di gomma e nasi finti. E ketchup, naturalmente.

INCONTRI DI PREPARAZIONE E DISCUSSIONE SUGLI SPETTACOLI 
Fino a marzo 2015 sarà operativo uno specifico progetto di Laboratori di Visione: gli operatori di Arci Viterbo e dell’Officina Culturale Regionale Distretto Creativo in collaborazione con i direttori artistici di Dominio Pubblico, incontreranno il gruppo di spettatori attivi per introdurre loro, con un lavoro di accompagnamento alla visione del teatro contemporaneo, lo spettacolo cui assisteranno, in programma nella rassegna Dominio Pubblico.

L’obiettivo è quello di creare un dialogo continuo coi partecipanti per costruire un percorso di monitoraggio del cartellone proposto che sia anche un progetto di auto-formazione.

Parte integrante di Dominio Pubblico sarà il lavoro di selezione di spettacoli per il festival teatrale Storie di Lavoro, un progetto dell’Associazione 20Chiavi Teatro diretta da Ferdinando Vaselli, che rappresenterà una vera e propria indagine sul teatro contemporaneo in relazione alle tematiche del lavoro. Sarà dunque interessante fare in modo che gli artisti scelti e gli spettatori che li sceglieranno saranno perlopiù under 25 e “semplici” cittadini. Siamo convinti che questo livello di responsabilizzazione dei ragazzi e della popolazione è un fattore di irradiamento di energia e favorisce la presenza di altri giovani spettatori e la creazione di un nuovo pubblico.

GLI ALTRI SPETTACOLI IN PROGRAMMA:
> 4 febbraio 2015: Leonardo Capuano ELETTROCARDIODRAMMA
> 5 marzo 2015: Bartolini/Baronio PASSI una confessione

Il biglietto d’ingresso ai singoli spettacoli ha un costo di € 5. 

 Gli spettacoli si svolgono al MAT Musicarteatro Via del Ganfione 16/18

Organizzazione locale Dominio Pubblico
Arci Viterbo
Marco Trulli 393.9097166 marcotrulli@gmail.com
Elisa Maurizi 393.9211339 culturavt@arci.it
Officina Culturale Distretto Creativo
Ferdinando Vaselli 328.4004935

venerdì 9 gennaio 2015

Assalti frontali a Il Cosmonauta


10 Gennaio
Il Cosmonauta, Via della Polveriera, 6 Viterbo

Alle 19 presentazione del libro 
"Soli contro tutto" di Militant A - Assalti Frontali

Dalle 20.30 cena sociale

Alle 22.00 concerto ASSALTI FRONTALI

(ingresso euro 5)



ASSALTI FRONTALI  
il gruppo si forma a Radio Onda Rossa durante le trasmissioni hip-hop che Militant A faceva come DJ insieme alla sua posse. Il programma ospitava spesso rapper romani che all’epoca cantavano tutti in inglese e fu per questo che Militant A cominciò a buttare giù le prime rime in italiano tanto per vedere come girava. Tutto questo accese gli animi degli ascoltatori e il telefono bolliva, la gente voleva risentire i pezzi in onda. Poi iniziarono i concerti nei centri sociali e nelle università occupate. C'è un pezzo che è diventato colonna sonora del movimento della pantera: "Batti il tuo tempo", titolo del primo disco di Militant A con la formazione Onda Rossa Posse nel 1990, lavoro che ha fatto conoscere questo gruppo in tutta Italia per i testi mai banali e pregni di poesia urbana e desiderio di lotta. Dopo quell'anno inizia l'esperienza Assalti Frontali, un gruppo aperto che di volta in volta ha avuto dentro la sua formazione gente come Castro X, NCOT, Brutopop, Ice One,
Lou X, Sioux, oltre alla presenza costante di Militant A che ha permesso la produzione di dischi divenuti ormai leggenda nell’hip-hop italiano, come "Terra di nessuno (autoprodotto 1992)", "Conflitto" (autorprodotto e distribuito da il manifesto cd - 1996), "Banditi" (primo – ed ultimo – con una major, la Bmg, 1999), e concerti in tutti i posti occupati del paese, sui camion durante le manifestazioni, all'estero in occasione di azioni di solidarietà come a Valona o a Gerusalemme est.
Nel 1993 partecipano alla colonna sonora di "Sud", film di Gabriele Salvatores, per cui hanno scritto la canzone con cui inizia la pellicola.
Il progetto militante di Assalti Frontali si sente imbrigliato nelle logiche di mercato di una major, e allora nel 2004 "HSL" segna il ritorno al Manifesto cd. Il disco vende oltre quindicimila copie conquistando per tre mesi il primo posto della classifica indie di “Musica e Dischi”, dando vita anche ad un remix - HSL-R (il manifesto cd - 2005).
Nel 2006 esce “Mi sa che stanotte…”, registrato a Torino a Casasonica.
A novembre dello stesso anno gli Assalti Frontali vincono il PIMI (Premio Italiano per la Musica Indipendente), riconoscimento organizzato dal MEI, imponendosi come “Miglior Album 2006”: Il disco, da cui vengono estratti due video-clip, “Gaia per davvero” e “Mi sa che stanotte pt.2 - programmati dai maggiori network televisivi - staziona per 9 mesi nella classifica indie di “Musica e Dischi”.
Le spinta creativa della crew trova il tempo anche per un progetto speciale. Nel 2007 la loro attività live è serrata: nasce “PASS THE MIC” un evento itinerante e mutevole che oltre agli Assalti Frontali coinvolge e mette in comunicazione più generazioni della scena hip-hop nazionale : Esa, Inoky, Dj Gruff, Dj Baro, Colle der Fomento, Jimmy, Rancore, Truce Klan ( Noyz Narcos, Cicoria, Gel 1), Willy Valanga, Nano, Retrez, Freddy Fred, Cuba Cabbal, Dj Disastro.
Il progetto ha grande eco. Viene presentato in anteprima all’Auditorium Parco della Musica di Roma ed attraversa molti importanti festival italiani, tra cui Italia Wave e Sherwood Festival. Il progetto ha come Media Partner XL, mensile musicale del gruppo L’Espresso.
Nel 2008 Assalti Frontali producono il disco numero sette, “Un’intesa perfetta”,
Tra gli estratti di quest’ultimo lavoro discografico ricordiamo “Enea Super Rap”, un rifacimento in rap dell'Eneide di Virgilio, nata da un incontro degli Assalti Frontali con i ragazzi di una scuola elementare romana. Nella canzone Enea è un migrante che fugge dalla guerra (come tanti che arrivano nel nostro paese, dopo viaggi stremanti, senza permesso di soggiorno), e da clandestino arriva sulle coste del Lazio e fonda Roma .
Il testo di questa canzone, è stato poi rivisitato dagli stessi Assalti Frontali in una nuova versione: “il rap di Enea - No Gemini Day and Night”. Il remake diventa la colonna sonora delle contestazioni scolastiche e universitarie contro i tagli del decreto 137 e della legge 133.
Per finanziare e promuovere i coordinamenti dei genitori insegnanti e il coordinamento “ Non Rubateci il Futuro”, nel dicembre del 2008 il brano diviene un mini cd in tiratura limitata. La produzione musicale degli Assalti Frontali, non conosce sosta:
Il 2009 vede gli Assalti impegnati nel tour ARCIREAL e ospiti nel libro/cd dal titolo “Renegades of funk” di U.NET, scrittore e ricercatore interessato alla cultura hip hop.
Il brano inedito “Peace, Unity, Love and Fun “ contenuto nel cd allegato al libro, è un personale tributo ad Afrika Bambaataa, uno dei padri fondatori della cultura hip hop.
Nel 2010 Assalti Frontali mette in scena con Lady Attrice Contro un musical teatrale " Madama CIE incontra Roma meticcia". Il musical nasce dall’incontro delle canzoni del rap di Militant A di Assalti Frontali, simbolo delle lotte sociali di una generazione che continua a credere che un altro mondo è possibile e lo spettacolo teatrale “Madama Cie” di AttriceContro autrice e attrice romana che dal 2003 gira l’Italia con spettacoli itineranti di denuncia sociale, portandoli in luoghi dove il teatro in genere non arriva come i cancelli delle fabbriche, le mense operaie etc.
Sempre nel 2010 a dieci anni dall'uscita dell'album “Banditi”, gli Assalti Frontali rielaborano a grande richiesta uno dei dischi più importanti della loro carriera, con una performance acustica Pianoforte, chitarra, contrabbasso e rap gli ingredienti principali di uno show che ripropone pezzi entrati nel cuore di chi segue la band anche grazie ai video dei Manetti Bros "Banditi" - "Notte d'acqua" - "Zero tolleranza" e poi "Va tutto bene", "Notte e fuoco", "Il tempo dell'attesa" e anche la riproposizione dei brani che consacrano Assalti Frontali come uno dei punti di riferimento della scena hip hop italiana
Nel 2011 esce “ Profondo Rosso” un album pieno di realtà e di argomenti concreti, come nel caso di Lampedusa lo sa, dedicata ai migranti africani ma soprattutto alla gente dell’isola, brani come Mamy, e Roma Meticcia parlano di accoglienza e integrazione. E poi “sono cool questi rom “ (canzone selezionata tra i dieci finalisti al premio Amnesty 2012), che racconta la vita dei rom fuori dagli schemi comuni delle rappresentazioni mediatiche, evidenziando la loro straordinaria capacità di adattarsi a condizioni di vita durissime.
Nel 2012 in occasione dei vent’anni dal loro primo disco “Terra di nessuno” (1992), gli Assalti Frontali pubblicano un nuovo doppio cd : il primo contiene alcuni remix di quel disco storico e un inedito, Let’s Go . Il secondo è una raccolta di 20 brani, scelti dalla loro produzione discografica da Batti il tuo tempo a Profondo rosso nelle versioni originali rimasterizzate allo Sterling Sound studio di New York.

mercoledì 10 dicembre 2014

Primo spettacolo di Dominio Pubblico a Viterbo - A Play


Lunedì 15 Dicembre 2014 ore 21.00


MAT - MUSICARTETEATRO
7-8 chili
A PLAY
DISPLAY
HAND PLAY







Primo appuntamento di Dominio Pubblico_Viterbo


Lunedì 15 Dicembre 2014 ore 21
7-8 chili




A PLAY
DISPLAY
HAND PLAY



A VITERBO DOMINIO PUBBLICO

UN PROGETTO DI TEATRO ARGOT, TEATRO DELL’OROLOGIO, A.T.C.L. - Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio

UN PERCORSO TEATRALE A CURA DELL’ARCI VITERBO E OFFICINA CULTURALE DISTRETTO CREATIVO

All’interno del programma generale di Dominio Pubblico 2014-2015 – ideato congiuntamente da Teatro Argot, Teatro dell’Orologio e A.T.C.L. - Associazione Teatrale Comuni del Lazio – si intende realizzare un programma di spettacoli e di incontri sul territorio di Viterbo.
Produzione Marche Teatro-Inteatro – progetto Teatri del Tempo Presente, 7-8 chili
ideazione e coreografia Davide Calvaresi
interpreti Davide Calvaresi, Giulia Capriotti
osservazione Valeria Colonnella
Spettacolo promosso nell’ambito di Teatri del Tempo Presente progetto interregionale di promozione dello spettacolo dal vivo a cura del MIBAC – Direzione Generale per lo spettacolo dal vivo e delle Regioni: Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto - soggetto attuatore CMS – Consorzio Marche Spettacolo - produzione Inteatro, in collaborazione con AMAT

Hand Play è la tappa finale di un percorso visivo portato avanti dalla Compagnia 7-8 chili per riflettere sulla dimensione relazionale tra uomo e donna. Con stile ironico e dissacrante Hand Play mostra un dialogo tra due mondi, con visioni e prospettive diversissime, svelando, con un sapiente gioco di immagini, le crudeli dinamiche del rapporto di coppia.

A Play è un dittico che riunisce due lavori, risultato di un percorso di ricerca sulle possibilità d'interazine tra immagine e figura umana portato avanti dalla compagnia 7-8 chili.
Display racconta con leggerezza l'isolamento dell'uomo contemporaneoche osserva e descrive il mondo da dietro lo schermo di un computer. Hand Play s'interroga con stile ironico e dissacrante, sulla dimensione relazionale tra uomo e donna mostrando il difficile dialogo tra due mondi, rappresentati da una figura in scena e la proiezione di una mano gigante. Il gioco di immagini è visibile solo attraverso la proiezione video che svela le a volte surreali dinamiche del rapporto di coppia.


INCONTRI DI PREPARAZIONE E DISCUSSIONE SUGLI SPETTACOLI IN PROGRAMMA

Fino a marzo 2015 sarà operativo uno specifico progetto di Laboratori di Visione: gli operatori di Arci Viterbo e dell’Officina Culturale Regionale Distretto Creativo in collaborazione con i direttori artistici di Dominio Pubblico, incontreranno il gruppo di spettatori attivi per introdurre loro, con un lavoro di accompagnamento alla visione del teatro contemporaneo, lo spettacolo cui assisteranno, in programma nella rassegna Dominio Pubblico.

L’obiettivo è quello di creare un dialogo continuo coi partecipanti per costruire un percorso di monitoraggio del cartellone proposto che sia anche un progetto di auto-formazione.

Parte integrante di Dominio Pubblico sarà il lavoro di selezione di spettacoli per il festival teatrale Storie di Lavoro, un progetto dell’Associazione 20Chiavi Teatro diretta da Ferdinando Vaselli, che rappresenterà una vera e propria indagine sul teatro contemporaneo in relazione alle tematiche del lavoro. Sarà dunque interessante fare in modo che gli artisti scelti e gli spettatori che li sceglieranno saranno perlopiù under 25 e “semplici” cittadini. Siamo convinti che questo livello di responsabilizzazione dei ragazzi e della popolazione è un fattore di irradiamento di energia e favorisce la presenza di altri giovani spettatori e la creazione di un nuovo pubblico.

Si prevede il coinvolgimento di 50 spettatori attivi e consapevoli: studenti, cittadini e “non addetti ai lavori” che vogliano approfondire i linguaggi di innovazione e la scena teatrale contemporanea. Vista la collaborazione con la cattedra di Storia del teatro del Prof. Valerio Viviani (DISUCOM) gli studenti dell’Università della Tuscia che parteciperanno al percorso avranno diritto a 6 Crediti Formativi (classi L 10, L 20, LM 14).

Gli incontri si svolgeranno a Viterbo presso l’Università degli Studi della Tuscia in Via Santa Maria in Gradi 4 alle ore 17, mentre gli spettacoli andranno in scena presso lo spazio MAT Musicarteatro Via del Ganfione 16/18 alle ore 21.

GLI ALTRI SPETTACOLI IN PROGRAMMA:
> 22 gennaio 2015: Andrea Cosentino NOT HERE 
> 4 febbraio 2015: Leonardo Capuano ELETTROCARDIODRAMMA
> 5 marzo 2015: Bartolini/Baronio PASSI una confessione

Il biglietto d’ingresso ai singoli spettacoli ha un costo di € 5. L’ abbonamento ai 4 spettacoli € 15. Gli spettacoli si svolgeranno al MAT Musicarteatro Via del Ganfione 16/18

Organizzazione locale Dominio Pubblico
Arci Viterbo
Marco Trulli 393.9097166 marcotrulli@gmail.com
Elisa Maurizi 393.9211339 culturavt@arci.it
Officina Culturale Distretto Creativo
Ferdinando Vaselli 328.4004935

lunedì 24 novembre 2014

LIBRIMMAGINARI 2014 - Avventure dello sguardo


 
19 Novembre-8 Dicembre 2014
 
 
A cura di Marcella Brancaforte e Marco Trulli
 
Avventure dello sguardo è una nuova sfida di Librimmaginari. Viaggi e transizioni dalla letteratura all'immagine, dalla musica all’illustrazione; le produzioni di questa edizione affrontano itinerari immaginari, epopee della visione e della mente.
Gli artisti invitati, infatti, ragionano sul tema del viaggio da prospettive diverse e inedite. Avventure dello sguardo è un'indagine sul paesaggio che cambia sotto i nostri occhi e, contemporaneamente, sul nostro sguardo che cambia attraverso il tempo e l'esperienza.
Un percorso di iniziative letterarie e artistiche che si articola in diversi spazi della provincia di Viterbo ospitando narrazioni immaginifiche, viaggi da fermo, circumnavigazioni della memoria.
Dopo il doppio appuntamento con il collettivo Wu Ming di domenica 23 novembre, il festival prosegue con un'agenda fitta di eventi.
 
Giovedì 27 Novembre

Ore 22.00
Biancovolta, Via delle Piagge 23 - Viterbo
Trees of mint
Concerto Allimprovviso
Per info e prenotazioni allimprovvisoviterbo@gmail.com
Trees of mint nel suo ultimo album propone “quattro lunghe suite per sola chitarra, loop-station e riverberi d’ambiente che si inerpicano sul versante più intimista e visionario dell’isolazionismo avant-rock.” (Sentireascoltare)
CONVEGNO 

Venerdì 28 Novembre

Ore 16.00 – 18.00
Consorzio Biblioteche di Viterbo, Sala Conferenze, Viale Trento, 24 - Viterbo    
Incontro sulle pratiche di promozione della lettura in Italia e in Francia
Un confronto tra istituzioni, operatori ed editori
In questi ultimi anni in tutta Italia si sono moltiplicate le attività di promozione della lettura. Sono diverse decine i festival tematici che promuovono libri ed autori. Tuttavia sembra che le persone continuano a leggere poco e la crisi dell’editoria appare inarrestabile. Quali sono le pratiche virtuose? Quale può essere il ruolo del no profit culturale?

Sono stati invitati:
Paolo Pelliccia, commissario straordinario della Biblioteca Consorziale di Viterbo
Pierluigi Regoli,  capo segreteria Assessorato Cultura, Politiche giovanili, Regione Lazio
Vladimir Mastrogiacomo, progetto nazionale Arci Book
Giovanni Solimine, Associazione Forum del libro
Jérôme Gimenez –
 Ligue 35, (ille et Vilaine)
Daniele Di Gennaro – Minimum Fax

Modera Carlo Testini, responsabile Diritti Culturali, Arci nazionale

Sabato 29 Novembre

Ore 10.30 – 13.00
Biancovolta Spazio Arci, Via delle Piagge, 23 - Viterbo
Ad occhi aperti: raccontare i libri
Una tavola rotonda tra gli operatori della promozione alla lettura 

Interventi
Raffaella Valeri, Assessore alla pubblica istruzione del Comune di Viterbo
Deborah Soria – Ibby Italia
Clara Vittori - Dirigente scolastica, I.C. Carmine di Viterbo
Carla Ghisalberti, Blog "Lettura Candita", Roma
Fernanda Pessolano, Biblioteca della Bicicletta “Lucos Cozza”
Gisella Persio, “Vedere Oltre”, Festival del libro ad arte per ragazzi, Narni
Matteo Frasca, educatore, pedagogista e cantastorie

Con
Gruppo di Lettura ad alta voce NpL & Biblioteca Comunale di Tuscania
Associazione Culturale La Metaphora di Montefiascone &  Maninalto Teatro, Viterbo per i Bambini

Modera Francesco Camuffo, Presidenza nazionale Arciragazzi

Ore 16.00
Biancovolta Spazio Arci, Via delle Piagge, 23 - Viterbo
Laboratori a cura di Matteo Frasca
Ingresso gratuito

A caccia dell'Orso
di Michael Rosen, Edizioni Mondadori
Storia sonorizzata su albo illustrato
Il viaggio inteso come un'avventura da vivere in famiglia, tra piccoli e grandi...  fra suoni, natura, paure, coraggio... e grandi soddisfazioni.

Il viaggio di Fiocchino
Storia per teatro Kamishibai.
Autori: Matteo Frasca e Federica Fabrizi dell'Associazione Matura Infanzia
Come è nata la prima nevicata? Per merito di un piccolo fiocco bianco, il più piccolo di tutti. Fiocchino vuole intraprendere il viaggio più pericoloso e più importante della sua vita e alla fine lo attenderà un sorpresa grandissima.

MOSTRE

Venerdì 28 Novembre

Inaugurazione ore 19.00
Circolo Cosmonauta, Via della Polveriera, 2 - Viterbo
Studiovagante, Viterbo surreale 
Studiovagante è un laboratorio di grafica, illustrazione e cartotecnica, abitato da Francesca, Sonia e Stefano.
Gli interessi e le diversità tra le varie anime del collettivo danno vita a progetti originali che sconfinano nei molteplici ambiti della comunicazione. Vagano alla costante ricerca di materiali classici o contemporanei, giocando a combinarli tra loro. Vivono e lavorano respirando le storie e le suggestioni dei territori della Tuscia, che a volte riemergono in forma disegnata e raccontata nei nostri progetti.

Sabato 29 Novembre

Inaugurazione ore 19.00
Padiglione d’Arte Chiarini Carletti, Strada Cupa, 5 La Quercia, - Viterbo

Rita Petruccioli,
Orlando Furioso e Innamorato, ed. La Nuova Frontiera Junior
Scritto da Idalberto Fei, il libro è un adattamento per bambini dell'Orlando Innamorato di Boiardo e l'Orlando Furioso di Ariosto.
"In questa storia non ci sono due personaggi che vanno dalla stessa parte... e sapete perché? Perché ognuno corre dietro alle sue fantasie."
I tanti personaggi dell'Orlando, sempre alla ricerca di qualcosa o di qualcuno, s'inseguono, s'incontrano, si perdono di nuovo... E noi viaggiamo con loro in quest'universo così affascinante e capriccioso, popolato da cavalieri, creature fantastiche, luoghi magici.

Simone Rea,
L’uomo dei Palloncini, ed. Topipittori
“L’uomo dei palloncini quando arriva ti chiama dalla finestra. Ma a modo suo perché è di poche parole. Ha un camion misterioso come una valigia che si apre e dentro c’è il paese dei torroni con veri palazzi, vere strade e campi, fiumi, colline a perdita d’occhio.”
È l’incipit dell’ultimo straordinario albo di Giovanna Zoboli, illustrato da Simone Rea, che promette di essere già un classico: per la storia piena di mistero e sensibilità, che scorre lieve come una poesia; per le splendide tavole a matita, piena di luce, di Simone Rea e per il finale, che non ci si stanca mai di leggere.

LETTURE

Mercoledì 3 Dicembre

Ore 11.00
Consorzio Biblioteche di Viterbo – Sala Ragazzi, Viale Trento, 18/h - Viterbo
Giovanna Zoboli e Simone Rea, L’uomo dei palloncini, ed. Topipittori
Lettura e incontro con gli autori

Venerdì 5 Dicembre

Ore 16.00
Ludoteca Arci Solidarietà, Scuola De Amicis, Via Emilio Bianchi, 9 - Viterbo
Cecilia Bartoli e Guido Scarabottolo, Gli amici nascosti, ed. Topipittori
Lettura animata di Augusto Terenzi e incontro con l’autrice
Il Paese di Taiba e di suo figlio Robera è l'Etiopia. Una terra molto amata, ma che si trovano costretti a lasciare a causa della persecuzione politica a cui è sottoposto il papà di Robera. Comincia in questo modo un lungo viaggio, da un paese all'altro, alla ricerca di un luogo dove potersi stabilire, dove i diritti fondamentali dell'uomo siano riconosciuti: quelli che, soli, danno la possibilità di costruirsi una vita normale, per studiare, lavorare, amare, essere felici. Ma esiste un posto simile?

Lunedì 8 Dicembre
Ore 16.00
Circolo Il Cosmonauta
, Via della Polveriera 2 - Viterbo
Torben Kuhlmann, Lindbergh. L'avventurosa storia del topo che sorvolò l'oceano, ed. Orecchio Acerbo

Lettura scenica di e con Augusto Terenzi / Maninalto Teatro
Germania 1912. Per un piccolo topo di biblioteca, mille pericoli. In più, da qualche tempo sono comparse trappole terribili. Che fare? Bisognerebbe partire, emigrare, ma i gatti sono ovunque, a sorvegliare porti e stazioni. Ma eccola, l’idea luminosa! Bisogna volare via, dall’altra parte dell’oceano.
ingresso e "Merenda degli antichi sapori": 2 euro

Promosso da

- Arci
- Arci Book

Con il patrocinio istituzionale di
- Regione Lazio
- Comune di Viterbo
- Consorzio Biblioteche della Provincia di Viterbo

Patrocini
- Aiap
- Ai associazioni illustratori
- BJCEM- Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo
- Ligue de L’Enseignement
- SPRAR – Sistema di protezione asilo richiedenti asilo e rifugiati
- Ibby Italia

In collaborazione con
- Arci Solidarietà Viterbo
- Circolo LA
- Circolo Il Cosmonauta
- Maninalto
- Allimprovviso

Media partner
- Left
- La fune

Case editrici partner
- Minimum fax
- Topipittori
- Orecchio Acerbo

Sotto gli auspici del "Centro per il libro e la lettura"
Terzo appuntamento della Formazione Cultura di Arci nazionale

Si ringrazia Giuseppe Chiarini Carletti per aver concesso gli spazi espositivi